Menù

B. dalla guerra vista da vicino in Nigeria al tirocinio formativo in Procura

B. ha visto la guerra da vicino. Una bomba gli è anche scoppiata a pochi passi. Un suono così forte e deflagrante che gli ha procurato una disabilità all'udito. La violenza che ha scosso il suo Paese lo spinto a lasciare la Nigeria. E così B. sta lentamente cercando di ricostruirsi un futuro migliore rispetto alla vita che faceva. Un futuro fatto di speranza e di opportunità, lontano da paure, violenze, miserie e persecuzioni. Oggi è fra i beneficiari del progetto 𝐒𝐀𝐈 - 𝐒𝐢𝐬𝐭𝐞𝐦𝐚 𝐝𝐢 𝐀𝐜𝐜𝐨𝐠𝐥𝐢𝐞𝐧𝐳𝐚 𝐞𝐝 𝐈𝐧𝐭𝐞𝐠𝐫𝐚𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞 promosso dal Comune di Manfredonia e gestito dalla cooperativa sociale 𝐌𝐞𝐝𝐭𝐫𝐚𝐢𝐧𝐢𝐧𝐠. Per questo, anche per lui diventa importante il percorso di tirocinio formativo ed educativo che sta svolgendo negli uffici della 𝐏𝐫𝐨𝐜𝐮𝐫𝐚 𝐝𝐞𝐥𝐥𝐚 𝐑𝐞𝐩𝐮𝐛𝐛𝐥𝐢𝐜𝐚 𝐩𝐫𝐞𝐬𝐬𝐨 𝐢𝐥 𝐓𝐫𝐢𝐛𝐮𝐧𝐚𝐥𝐞 𝐝𝐢 𝐅𝐨𝐠𝐠𝐢𝐚, in continuità con le progettualità degli scorsi anni, frutto dell'iniziativa promossa da Medtraining ente gestore di diversi progetti 𝐒𝐀𝐈 in provincia di Foggia (Manfredonia, Candela, Orsara di Puglia, Poggio Imperiale).

Perché girare per gli uffici, stare a contatto con gli altri "colleghi", movimentare faldoni e fascicoli vuol dire innanzitutto creare contatti, relazioni, senso di comunità e di appartenenza allo Stato italiano. Il suo percorso di tirocinio - fortemente voluta e realizzata grazie alla disponibilità del Procuratore Capo, Ludovico Vaccaro, e del cancelliere e tutor del progetto, Roberto Ginese - non prevede alcun tipo di onere economico a carico della Procura della Repubblica o del Ministero della Giustizia - è importante per il suo processo di inclusione e come percorso educativo.Oggi è impegnato in Procura e quando capita gli piace anche giocare a pallone nel ruolo di portiere. Prova a costruirsi un futuro, lontano dalla paura e dalla guerra. E' ancora un viaggio. Un viaggio verso l'inclusione.