- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Menù

Dalla pista di Borgo Mezzanone ad un progetto di accoglienza SIPROIMI, piccole storie per raccontare "La Puglia non tratta"

Non è tornata sulla pista di Borgo Mezzanone. No, non è tornata lì, dove probabilmente avrebbe ricominciato nel giro di poco tempo la solita vita. La solita durissima vita. No, non è tornata tra le baracche di lamiere e le pessime condizioni igienico-sanitarie, con il rischio di dover vendere ancora il suo corpo.
Dopo aver dato alla luce un bellissimo bambino, G. ha riflettuto bene su quella che sarebbe stata la cosa più giusta da fare per lei e, soprattutto, per il suo piccolo. E così, supportata dalle operatrici del progetto "La Puglia non tratta" ha deciso di lasciarsi accogliere, di incamminarsi in un nuovo percorso.

 Prima è stata accolta nel B&B che l'associazione dei Fratelli della Stazione di Foggia mette a disposizione delle persone senza dimora che hanno maggiori problemi sociali e fisici, grazie al sostegno della Fondazione dei Monti Uniti. E dopo qualche settimana, una volta completate tutte le pratiche ed i documenti necessari, G. il suo compagno ed il piccolo sono stati inseriti come "famiglia" in un progetto SIPROIMI - Sistema di protezione per titolari di protezione internazionale e per minori stranieri non accompagnati. Adesso guardano alla vita e al futuro con più speranza, con rinnovata fiducia. Ed il piccolo ha iniziato il suo cammino nella vita in un ambiente più accogliente e dignitoso rispetto a quello che avrebbe trovato lungo la pista di Borgo Mezzanone.

Piccole storie per raccontare un fenomeno, come quello della tratta e dello sfruttamento sessuale, per far sentire di più la loro voce, il loro grido di aiuto, di umanità non negata. Piccole storie frutto del lavoro dell'unità mobile di strada della cooperativa sociale Medtraining di Foggia, che nell'ambito del progetto "La Puglia non tratta - Insieme per le vittime", interviene nell'area territoriale della Capitanata - che comprende Monti Dauni, Tavoliere delle Puglie e promontorio del Gargano.

"La Puglia non tratta - Insieme per le vittime" 
è finanziato dal Dipartimento delle Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ed è promosso dalla Regione Puglia - Sezione Sicurezza del Cittadino, Politiche per le Migrazioni ed Antimafia Sociale.
Foto di Pina Suriano.