Menù

Candela, un corso di pasticceria per le beneficiarie del progetto SIPROIMI di Candela

Hanno impastato, preparato e cucinato. Hanno dato forma e sapore a pan di spagna, crostate, ciambelle e a breve anche a muffin, torte ed altri dolci prelibati. Perché imparare un mestiere, un'arte, come quella pasticciera, può aiutarle ad acquisire gli strumenti per cercare lavoro, per riacquistare più facilmente la loro autonomia. Soprattutto in un ambito particolare e ricercato come quello dei dolci. Loro sono le beneficiarie del progetto SIPROIMI - Sistema di protezione per titolari di protezione internazionale e per minori stranieri non accompagnati - promosso dal Comune di Candela e gestito dalla cooperativa sociale Medtraining, che in questi giorni hanno iniziato a seguire un corso di pasticceria online.

Merito delle operatrici del progetto SIPROIMI che si sono attivate per portare direttamente in casa il corso, azzerando le distanze, garantendo tutte le misure di sicurezze dettate dall'emergenza sanitaria dl Covid-19. E così, le beneficiarie del progetto di accoglienza hanno potuto seguire e mettere in pratica tutte le indicazioni dei docenti del laboratorio che vede coinvolte la Social Service di Ortanova ed Anima srl di Cagnano Varano. A disposizione delle corsiste tutto il materiale per poter lavorare, come grembiuli, pentolame, misurini.

Il corso di pasticceria online, per il quale sarà rilasciato al termine del percorso un attestato di partecipazione, affianca una prima fase teorica che ha visto le ragazze frequentare - sempre con modalità a distanza - anche un corso di HCCP e di sicurezza sul lavoro, ricevendo anche in questo caso un attestato di partecipazione spendibile nel mercato occupazionale. Perché l'inclusione socio-lavorativa dei beneficiari del progetto SIPROIMI passa proprio per queste attività, che offrono occasioni per qualificarsi maggiormente e per integrarsi nel tessuto sociale ed economico delle comunità in cui si vive.