Menù

Sportelli antidiscriminazione, anche Medtraining di Foggia nella ´rete´ pugliese

Prevenire e contrastare ogni forma di discriminazione in Puglia. In che modo? Segnalando i casi di discriminazioni di cui si è a conoscenza o di cui si è diretti testimoni, oppure svolgendo attività di informazione per ridurre i casi di discriminazione che si registrano nel territorio. Anche la cooperativa sociale Medtraining di Foggia è tra gli sportelli informativi antidiscriminazione della Regione Puglia. Perché il "pregiudizio ha molte facce" ed allora per contrastarlo e prevenirlo è opportuno lavorare in sinergia, in 'rete' appunto. Per questo è nata la 'Rete Regionale Antidiscriminazione' promossa dall'assessorato al Welfare della Regione Puglia attraverso il Servizio Politiche di Benessere Sociali e Parti Opportunità. La 'Rete' si compone di 32 sportelli informativi sparsi nelle sei province pugliesi. Tra gli sportelli operativi, anche la sede di Medtraining situata a Foggia in corso del Mezzogiorno 10 che svolge attività informativa, raccoglie le segnalazioni e si occupa del monitoraggio dei casi di discriminazione sul territorio.

Presso lo sportello di Medtraining, dunque, può essere segnalato ogni comportamento che, direttamente o indirettamente, comporta una distinzione, esclusione, restrizione, o preferenza basata su: sesso, razza, colore della pelle, origine etnica o sociale, caratteristiche genetiche, lingua, religione o convinzioni personali, opinioni politiche, appartenenza ad una minoranza nazionale, patrimonio, disabilità, orientamento sessuale, età. "La discriminazione è un reato, anche quando non è intenzionale, perché lede il godimento dei diritti umani e delle libertà fondamentali" è scritto nelle brochure che illustrano il progetto.

L'iniziativa è frutto del protocollo d'intesa siglato nel 2010 dalla Regione Puglia e dall'UNAR - Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni razziali - per rafforzare la lotta contro ogni forma di razzismo ed intolleranza. Grazie all'intesa la Puglia si è dotata del Centro di Coordinamento Regionale Antidiscriminazione che opera con i 32 sportelli che formano la Rete Regionale Antidiscriminazione.