Menù

Cerignola, dal 21 al 30 luglio il ´campo antimafia´

Giunti alla nona edizione, i campi antimafia 'Fatti un campo' - promossi dall'Arci con Cgil, Spi Cgil, Flai Cgil - saranno organizzati in Lombardia, Veneto, Liguria, Toscana, Marche, Puglia, Campania, Calabria e Sicilia. In provincia di Foggia, sarà ancora una volta Cerignola dal 21 al 30 luglio ad accogliere i giovani desiderosi di approfondire i temi della legalità atttraverso lavori concreti e incontri con personalità significative. I campi e i laboratori della legalità democratica si terranno dal 26 maggio al 25 settembre nelle venti località italiane che hanno aderito al movimento di lotta alle mafie nato spontaneamente undici anni fa intorno al circolo arci di Corleone, sulla scia delle stragi di Capaci e via D'Amelio.

Gli incontri dell'iniziativa saranno situati su terreni confiscati alle mafie: la filosofia che vi sta dietro è quella restituire questi beni alla comunità, tornare a renderli produttivi e vivi, animarli con iniziative formative e informative sulla difesa della democrazia, della legalità,  della giustizia sociale. Una pacifica 'occupazione' di questi spazi, dunque, abitata dalla presenza di centinaia di persone che si spendono con impegno e dedizione per costruire comunità alternative alle mafie. I campi di lavoro, dunque, saranno organizzati  in Lombardia, Veneto, Liguria, Toscana, Marche, Puglia, Campania, Calabria e Sicilia.

Il ricco programma alternerà 40 attività, tra laboratori e campi di lavoro: si è partiti da Corleone il 26 maggio con un primo turno che si concluderà il 9 giugno. Dalla Sicilia si risalirà tutta la penisola raggiungendo le piccole località di Rosarno, Mesagne, Riace, l'isola de Piano, fino a Ventimiglia e Adrara S.Fermo. A chiudere l'evento l'incontro conclusivo del 25 settembre nella provincia siciliana di Caniccattì.